SUCCEDE A ISOLA DELLE FEMMINE DIPERNDENTI PERSEGUITATI

PORTOBELLO SINDACO DI ISOLA DELLE FEMMINE PARLA PARLA PARLA MENTRE SUCCEDE CHE……..

http://video.google.com/videoplay?docid=-3822408979945450243#

PORTOBELLO SINDACO DI ISOLA DELLE FEMMINE PARLA PARLA PARLA MENTRE SUCCEDE CHE……..

4 anni fa

Isola delle Femmine Il Sindaco polemizza sul niente mentre succede che l’Amministratore della Calliope s.r.l. con suo figlio scompare misteriosamente. La Cooperativa edilizia Calliope ha costruito 50 alloggi nel nostro Comune su un’area destinata a verde agricolo. Con una strategia risultata vincente il Programma costruttivo è stato fatto approvare dal Commissario ad Acta con delibera 48 del 24.9.2003. Complimenti! MENTRE IL SINDACO PROF PORTOBELLO PARLA PARLA PARLA PARLA DI P.R.G., I FATTI DI CRONACA RIPORTANO ISOLA DELLE FEMMINE AL CENTRO DI AZIONI DAI RISVOLTI INQUIETANITI PER LE INFILTRAZIONI NELLA VITA POLITICA AMMINISTRATIVA CHE POTREBBERO PREFIGURARSI. La polemica ancora una volta è sulla destinazione d’uso delle aree cioè stabilire quali aree destinare a “pubblica utilità” , dove possono o meno costruire o destinare a verde, a parcheggio…..e ciò va benissimo. La nostra riflessione ci porta a dire ma queste regole esistevano già anche prima dell’adozione del Piano regolatore ( 2007) perché non sono state rispettate? La domanda seguente può essere: fino a che punto non siano strumentali tutte queste polemiche, forse e per non vedere la barca è in fase di affondamento? Con la misteriosa scomparsa del socio dell’azienda edile s.r.l. la Calliope , ritorna, in maniera alquanto preoccupante per la vita democratica delle istituzioni, la polemica che ha animato il Consiglio Comunale di Isola delle Femmine qualche anno addietro. Noi sappiamo, che la provvisoria chiusura di ogni polemica fu la nomina di un commissario ad acta, che riuscì a trasformare un terreno da verde agricolo senza nessuna possibilità di edificazione, in area edificabile di edilizia cooperativistico. Il business fu abbastanza rilevante si parlò per le cifre di allora di circa 25.000.000.000miliardi! Di qui l’interesse della magistratura e le preoccupazioni che legittimamente e in maniera responsabile devono essere seriamente attenzionate da parte della pubblica amministrazione dai cittadini e dalle organizzazioni sindacali imprenditoriali e commerciali.

Comitato Cittadino Isola Pulita

http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com

La C.G.I.L. diffida il Sindaco PROFESSORE Portobello SIGNOR Gaspare 4 APRILE 2008

DA: CGIL F.P. PROT 2/304 4 APRILE 2008 ORE 11,34 FAX 0916111407



A: COMUNE ISOLA DELLE FEMMINE PROT 4370 FAX 0918617209

Spett.le Comune di Isola delle Femmine

Oggetto: Trasferimento RSU in difetto di preventivo nulla osta. DIFFIDA

Con la presente la CGIL FP in persona del Segretario Provinciale Sig Michele Palazzotto, è costretta nuovamente a denunciare l’antisindacalità della condotta tenuta da Codesto Comune di isola delle Femmine che, nonostante i buoni propositi recentemente manifestati in sede giudiziale, persevera nell’attuare comportamenti palesemente discriminatori in danno della scrivente OS nonché di alcuni componenti della RSU nominati nelle liste della CGIL ci si riferisce,, in particolare, ai sigg.ri Messina Salvatore e D’Angelo Giuseppe oggetto di atti, a dir poco intimidatori ed offesnsivi della dignità personale e professionale, oltre che lesivi delle prerogative sindacali di cui gli stessi sono titolari.

Da ultimo, la CGIL è venuta a conoscenza che il Direttore Generale dell’Ente, con propria determinazione n 7 del 28.3.2008 ha deciso di trasferire d’ufficio ad altra unità produttiva il sig Messina Salvatore, RSU eletto nelle liste della scrivente OOSS, senza richieder il preventivo nulla osta della scrivente e ciò in palese violazione dell’art 22 coma 1 L n 300/1970 secondo cui “ il trasferimento dall’unità produttiva dei dirigenti delle rappresentanze sindacali di cui al precedente art 19..può essere disposto solo previo nulla osta delle associazioni sindacali di appartenenza”;

Con la presente, pertanto, la scrivente OS DIFFIDA Codesta Amministrazione a revocare senza indugio la determinazione n 7 del 28.3.2008 adottata dal Direttore Genrale, riservandosi ogni azione a tutela delle proprie prerogative gravemente pregiudicate dalla pervicace condotta del Comune di Isola delle Femmine.

Distinti Saluti.

Il Segretario Generale CGIL FP Palermo Michele Palazzotto.





LA NUOVA PIANTA ORGANICA CONTESTATA DAI SINDACATI. LA GESTIONE DEL PERSONALE DEL SINDACO PORTOBELLO CLIENTELARE ED ELETTORALISTICA



IL NEPOTISMO E’ REATO.

Un sindaco o un assessore, non possono fare favoritismi a vantaggio di figli, nipoti, parenti e amici, non solo in maniera diretta, ma neppure indiretta, facendo – per esempio – vincere appalti a ditte, a patto che poi queste assumano chi vogliono loro.

La Suprema Corte, annullando una sentenza d’Appello, ha ordinato un nuovo rinvio a giudizio per tre amministratori, spiegando che ‘in tema di corruzione, l’atto d’ufficio, oggetto di mercimonio, non va inteso in senso formale, in quanto deve comprendere qualsiasi comportamento che comunque violi (anche se non in contrasto con specifiche norme giuridiche o con istruzioni di servizio) i doveri di fedeltà, imparzialità, onestà che devono essere osservati da chiunque eserciti una pubblica funzione’”

Sette gli indagati per abuso d’ufficio tra cui amministratori e consiglieri comunali

Il nucleo di valutazione dei dipendenti del comune non possedevano i titoli di studio, requisiti di legge e mancanti di esperienze professionali Requisiti richiesti: Esperti qualificati in MATERIE ECONOMICHE, Esperti in materia di ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DEL LAVORO-MATERIE IGIENICHE. INTERESSE IN ATTO PUBBLICO: I componenti del nucleo di valutazione non possono ricevere incarichi di CONSULENZA E/O COLLABORAZIONE dagli uffici diretti da dipendenti da essi valutati.

Tra i componenti del NUCLEO di valutazione vi sono anche parenti degli amministratori

http://ciampolillopinoisoladellefemmine.blogspot.com/2008/02/notificato-al-sindaco-larticolo-28-da.html

http://ciampolillopinoisoladellefemmine.blogspot.com/2008/03/la-delegazione-trattante-la-gestione.html

http://isoladellefemminelibera.blogspot.com/2007/12/isola-delle-femmine-il-sindacato-stoppa.html

P.R.G. PORTOBELLO NON PORTA SVILUPPO TURISTICO COOPERATIVE EDILI DI ISOLA DELLA FEMMINE AMMESSE AL FINANZIAMENTO REGIONALE 19 APRILE 2008

DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE CHE RESPINGE LA RICHIESTA DI INDIVIDUAZIONE DI AREE DA DESTINARE A EDILIZIA SOCIALE AVANZATA DALL’UTC


RELAZIONE ISTRUTTORIA UFFICIO TECNICO COMUNALE



EMENDAMENTO ISOLA DEMOCRATICA

PLANIMETRIE AREE LIBERE



L’UFFICIO TECNICO COMUNICA ALLA TIZIANA: “RESPINGERE LA PROPOSTA DI ASSEGNAZIONE FATTA DALL’UTC”

COOPERATIVA EDILE “ LA TIZIANA” Via Trapani N° 5 – 90040 Isola delle Femmine

COD. FISC. & P. IVA 0613530823 Reg. Trib. N° PA053 Soc. 15392 – Vol. 86/85

Tel. Sede Legale – 0918677254 Soci e fax – 0918671006 – 0918678500 – 3406261991

Al Sig. Sindaco
p.c. Al Presidente del Consiglio Comunale
Al Direttore Generale
Al Respons. III Settore Uff. Tecnico

A tutti i Consiglieri Comunali

del Comune di Isola delle Femmine

p.c. All’Assessorato Territorio ed Ambiente
Dipartimento dell’Urbanistica
Via Ugo La Malfa 169

90100 Palermo

All’ Assessorato Ai Lavori Pubblici
Dipartimento L.L. P.P.
Servizio “Aree Urbane e Politica della Casa”
Unità operativa di Base VIII
Via Leonardo da Vinci n° 161
90100 Palermo
protocollo Isola delle Femmine 14 sett 2006 n° 11266

Oggetto: Richiesta assegnazione aree – programmi costruttivi – edilizia sociale agevolata e convenzionata. Programma costruttivo ai sensi della legge 05 agosto 1978 n. 457 e successive modifiche ed integrazioni. Decreto pubblicato sulla Gurs n. 12 del 19/03/2004 (provvisorio) e n. 9 del 04/03/2005 (Decreto definitivo). Ns richieste del 30/04/2004 prot. N 5515 e del 18/03/2005 prot. 3306

In relazione alla notifica dell’ U.T.C. del 2//08/2006 prot. 10620 di “archiviare” la richiesta di cui in oggetto si comunica che tale decisione è in contrasto con la normativa vigente in quanto codesta Cooperativa ha avuto finanziati n. 20 alloggi di Edilizia Economica e Popolare giusto decreto n. 9 del 04/03/2005.

Tra le varie disposizioni di legge, tra l’altro citate nella relazione istruttoria dell’U.T.C. per il Consiglio Comunale, la legge Regionale n. 22/96 – modifiche alla L.R. n. 4 del 1996, prevede nel contesto che i programmi costruttivi possono interessare anche zone destinate a verde agricolo contigue ad insediamenti abitativi e suscettibili di immediata urbanizzazione.

La Cooperativa è in possesso di un’area che rispecchia in pieno la succitata legge pertanto comunica di aver dato mandato per la richiesta di intervento di un Commissario ad “acta” per attualizzare quanto disposto dalla legge in materia e di cui il Consiglio Comunale non ha tenuto conto.

Alla luce di ciò ci si riserva di valutare una possibile costituzione di parte civile per il riconoscimento di danni patrimoniali derivanti dalla eventuale perdita del finanziamento, in conseguenza delle risultanze della delibera Consiliare n. 45/2006.

Distinti Saluti

Si allega: nota della Coop.

e copia delibera Consiglio C. per gli Assessorati

Il Presidente Francesco Millocca

Sindaco

p.c. Al Presidente del Consiglio Comunale
Al Direttore Generale
Al Respons. III Settore Uff. Tecnico
A tutti i Consiglieri Comunali
del Comune di Isola delle Femmine

Oggetto: Richiesta assegnazione aree – programmi costruttivi – edilizia sociale agevolata e convenzionata. Programma costruttivo ai sensi della legge 05 agosto 1978 n. 457 e successive modifiche ed integrazioni. Decreto pubblicato sulla Gurs n. 12 del 19/03/2004 (provvisorio) e n. 9 del 04/03/2005 (Decreto definitivo). Ns richieste del 30/04/2004 prot. N 5515 e del 18/03/2005 prot. 3306

Mi rammarico con Lei Sig. Sindaco che in sede di apertura del Consiglio Comunale ha posto subito dei paletti su quello che era l’ordine del giorno. Se desiderava portare avanti, anche in parte i programmi costruttivi di cui in oggetto, sarebbe bastato informare i Consiglieri delle indicazioni e precisazioni fornitele in merito dal Dirigente dell’ Assessorato al Territorio in presenza del responsabile del suo Ufficio Tecnico III Settore nonché relatore dell’istruttoria per il Consiglio Comunale, di un suo collaboratore, del ns tecnico e di me nella qualità. Ciò salvo eventuali preclusioni di parte, avrebbe forse potuto influire in modo diverso sulla decisione finale del Consiglio
Mi rammarico con Voi Consiglieri tutti per questa decisione che Vi ha trovati, forse per la prima volta nella storia della ns cittadina, tutti compatti ed uniti nel non deliberare nell’interesse del cittadino adducendo delle motivazioni discutibili. Le aree in questione ad eccezione della n. 1 – 3 – 11, anche nell’adottando nuovo P.R.G. si prestavano allo scopo. L’area “8” già di ns proprietà avrebbe di fatto semplificato tutto riducendo i tempi di operatività.
La legge in merito prevede deroghe a qualsiasi strumento urbanistico vigente al momento. Ci si pone ora il problema che il PRG (abbiamo dimenticato da quanti anni se ne parla) necessita di aggiornamento stante quanto accaduto nel biennio. La data della ns prima richiesta rientrava nel citato biennio. In ogni caso oggi con un poco di buona volontà si sarebbe potuto comunque inserire anche questo ulteriore aggiornamento, legittimo, utile, e nel rispetto delle disposizioni di legge, doveroso.
Mi rammarico con Voi tutti in quanto una delibera positiva e costruttiva, che non avrebbe creato alcun “problema” come la Cooperativa ha già precedentemente dimostrato, vi avrebbe messo nelle condizioni di poter dimostrare di aver contribuito a far si che dei ns concittadini possano realizzare, con costi accessibili ed in parte finanziati, la propria abitazione.
Mi rammarico per la tempestività mostrata nel prendere in esame una richiesta presentata nel 2004, reiterata nel 2005 e 2006, ma principalmente mi dispiace, il dover entrare in contrasto con le Istituzioni locali in quanto l’arrivo di un Commissario non è una cosa gradita a nessuno. I precedenti insegnano.
Mi rammarico della delibera in quanto la stessa potrebbe influire negativamente nei rapporti interpersonali con i soci (sono tutti residenti ad Isola) e perché no con i concittadini che con varie segnalazioni e/o sponsorizzazioni hanno chiesto e chiedono di farne parte.
Copia della presente con allegata la delibera Consiliare verrà da me distribuita ai 40 soci verso i quali ho anche degli obblighi morali. La Cooperativa “ la Tiziana” è una realtà positiva per i cittadini di Isola se ne tenga conto.
Il Presidente Francesco Millocca

http://www.regione.sicilia.it/presidenza/ull/Gazzette/g08-17/g08-17-p13.html

DECRETI ASSESSORIALI

ASSESSORATO DELLA COOPERAZIONE, DEL COMMERCIO, DELL’ARTIGIANATO E DELLA PESCA

DECRETO 2 aprile 2008.

Graduatorie provinciali delle cooperative edilizie che hanno partecipato al concorso per la concessione di contributi previsti dalla legge regionale 20 dicembre 1975, n. 79.

L’ASSESSORE PER LA COOPERAZIONE, IL COMMERCIO, L’ARTIGIANATO E LA PESCA

Visto lo Statuto della Regione;
Viste le leggi regionali 20 dicembre 1975, n. 79, 30 maggio 1984, n. 37 e 24 luglio 1997, n. 25;
Vista la legge regionale 27 febbraio 1992, n. 2;
Vista la legge regionale 6 febbraio 2008, n. 2, di approvazione del bilancio della Regione siciliana per l’esercizio finanziario 2008;
Visto il decreto n. 2946 del 23 dicembre 1997, vistato dalla ragioneria centrale ai sensi della legge 14 gennaio 1994, n. 20, con il quale è stato assunto sul cap. 742802 il limite venticinquennale di E 2.582.284,50 previsto dall’art. 8 della legge regionale 24 luglio 1997, n. 25;
Visto il decreto n. 145 del 22 novembre 2005, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana 20 gennaio 2006, n. 3, con cui è stato bandito, fra le cooperative edilizie che, alla data di presentazione della domanda, risultino iscritte o che abbiano presentato istanza di iscrizione all’albo nazionale delle società cooperative edilizie di abitazione e dei loro consorzi, istituito presso il Ministero delle attività produttive con legge 31 gennaio 1992, n. 19 e che abbiano ottemperato, altresì, a quanto previsto all’art. 8, sez. II e V, del decreto legislativo 17 gennaio 2003, n. 6, un pubblico concorso per la formazione di un programma di utilizzazione delle disponibilità finanziarie di E 2.582.284,50 di cui al sopracitato decreto n. 2946/97;
Visti i successivi decreti nn. 28 del 26 gennaio 2006, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana 3 febbraio 2006, n. 6, e 107 del 12 maggio 2006, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana 26 maggio 2006, n. 26 di modifica del superiore decreto n. 145/2005, con i quali è stato pure prorogato al 3 giugno 2006 il termine ultimo per la presentazione delle domande di ammissione;
Visto l’esito dei lavori svolti dalla commissione esaminatrice delle istanze, nominata con decreto n. 925 del 4 maggio 2006;
Visto il parere della IV Commissione legislativa dell’A.R.S., comunicato con nota n. 12432/CPPG del 10 dicembre 2007;
Vista la delibera della Giunta regionale n. 147 del 6-7 giugno 1988, con cui vengono stabiliti i criteri per la ripartizione territoriale della spesa;
Visto il prospetto della ripartizione territoriale relativo al fondo contributi ex legge regionale n. 79/75 di E 2.582.284,50 che, al costo unitario d’intervento vigente di E 97.000,00 e per un contributo annuo ad unità abitativa alla data del bando di E 1.643,48, determina il numero di alloggi finanziabili per provincia:
Quota euro Alloggi n.
Agrigento 263.315,55 160
Caltanissetta 263.289,72 160
Catania 464.062,34 282
Enna 213.193,41 130
Messina 311.836,69 190
Palermo 386.283,93 235
Ragusa 188.377,65 115
Siracusa 266.118,48 162
Trapani 225.536,73 137
Totale 2.582.284,50 1571
Visto il decreto n. 747 del 18 marzo 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana n. 16 dell’11 aprile 2008, con cui è stata incrementata la copertura finanziaria del bando in parola;
Rilevato che fra le cooperative edilizie che decadono dai benefici previsti dalla legge regionale n. 79/75 riportate all’art. 1 del sopracitato decreto n. 747/2008, viene indicata la cooperativa edilizia “La Città del sole” di Paternò 22 alloggi bando 1991, per cui risulta, invece, il possesso di attestazione di revisione in corso di validità per gli effetti del disposto di cui al comma 3, art. 6 della legge regionale 8 maggio 2007, n. 13, e che pertanto occorre procedere alla cancellazione della stessa dall’elenco di cui all’art. 1 del decreto n. 747/2008;
Ritenuto, conseguentemente, che occorre rideterminare in E 11.927.455,46 al netto dell’importo di E 51.288,04 (2,191251%xL.103.000.000×22 alloggi bando 1991) l’incremento annuo disposto con l’art. 3 del decreto n. 747/08 per la copertura finanziaria del bando di concorso in parola;
Rilevato, pertanto, che con successivo decreto potrà provvedersi alla ulteriore ripartizione territoriale del superiore incremento del fondo contributi ex legge regionale n. 79/75;
Considerato che, di n. 958 istanze pervenute, la commissione esaminatrice ne ha riconosciute conformi alle prescrizioni del bando n. 880 con una richiesta di contributi per un importo superiore all’entità delle risorse disponibili e che, pertanto, occorre individuare all’interno della graduatoria generale, secondo le regole stabilite nel bando, le cooperative utilmente collocate per il conseguimento delle agevolazioni;
Visto l’elenco delle cooperative escluse per i motivi a fianco di ciascuna indicati;
Decreta:

Art. 1

Sono approvate le graduatorie delle cooperative che hanno fatto istanza di partecipazione al concorso indetto con decreto n. 145/2005, per la formazione di un piano di utilizzazione dello stanziamento di E 2.582.284,50, disposto ai sensi dell’art. 8 della legge regionale 24 luglio 1997, n. 25.
Sono approvati, altresì, i piani di utilizzazione delle disponibilità, formati mediante individuazione delle cooperative utilmente collocate per il conseguimento delle agevolazioni, nell’ambito delle graduatorie per province.

Cliccare qui per visualizzare gli allegati in formato PDF

Art. 2

Sono escluse, per i motivi a 1/2anco di ciascuna indicati mediante codice di ricerca per la consultazione della tabella sommaria di seguito riportata, le seguenti cooperative:
………

Art. 3

Per le motivazioni di cui in premessa, la cooperativa edilizia La città del sole di Paternò 22 alloggi bando 1991 è cancellata dall’elenco di cui all’art. 1 del decreto n. 747 del 18 marzo 2008 e la spesa occorrente per la concessione dei contributi al sodalizio, incluso nelle graduatorie formate ai sensi della legge regionale n. 79/75 per il bando 91, graverà sull’impegno assunto sul cap. 742802 col decreto n. 747/08 e precisamente per n. 1 annualità di E 51.288,04 relativa all’esercizio finanziario 2008 e per n.24 annualità ciascuna di E 51.288,04 in conto esercizi futuri sino al 2032.
Art. 4

E’ rideterminato della somma di E 11.927.455,46 l’incremento annuo disposto con l’art. 3 del decreto n. 747 del 18 marzo 2008 per la copertura finanziaria del bando di concorso approvato con decreto n. 145/Gab/2005 del 22 novembre 2005 e successive modi1/2che ed integrazioni per la concessione dei contributi previsti dalla legge regionale n. 79/75.
Art. 5

I piani di utilizzazione delle disponibilità incrementate per la copertura finanziaria del bando in parola saranno formati, contestualmente al provvedimento di cui in premessa, con il quale si effettuerà la ripartizione territoriale delle stesse, mediante scorrimento nelle graduatorie per provincia delle cooperative non finanziate col presente decreto.
Art. 6

Avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso nei termini e nei modi previsti dalla legge.
Il presente decreto verrà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana.
Palermo, 2 aprile 2008.

(2008.14.1089)048

http://www.regione.sicilia.it/presidenza/ull/Gazzette/g08-17/g08-17-c.pdf

18-4-2008 – GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA – PARTE I n. 17 25

Ritenuto, conseguentemente, che occorre rideterminare in € 11.927.455,46 al netto dell’importo di € 51.288,04
(2,191251% x L. 103.000.000 x 22 alloggi bando 1991) l’incremento annuo disposto con l’art. 3 del decreto
n. 747/08 per la copertura finanziaria del bando di concorso in parola;
Rilevato, pertanto, che con successivo decreto potrà provvedersi alla ulteriore ripartizione territoriale del superiore
incremento del fondo contributi ex legge regionale
n. 79/75;
Considerato che, di n. 958 istanze pervenute, la commissione esaminatrice ne ha riconosciute conformi alle
prescrizioni del bando n. 880 con una richiesta di contributi per un importo superiore all’entità delle risorse
disponibili e che, pertanto, occorre individuare all’interno della graduatoria generale, secondo le regole stabilite nel
bando, le cooperative utilmente collocate per il conseguimento delle agevolazioni;
Visto l’elenco delle cooperative escluse per i motivi a fianco di ciascuna indicati;
Decreta:
Art. 1
Sono approvate le graduatorie delle cooperative che hanno fatto istanza di partecipazione al concorso indetto
con decreto n. 145/2005, per la formazione di un piano di utilizzazione dello stanziamento di € 2.582.284,50, disposto ai sensi dell’art. 8 della legge regionale 24 luglio 1997, n. 25.
Sono approvati, altresì, i piani di utilizzazione delle disponibilità, formati mediante individuazione delle cooperative
utilmente collocate per il conseguimento delle agevolazioni, nell’ambito delle graduatorie per province.

18-4-2008 – GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA – PARTE I n. 17 29
18-4-2008 – GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA – PARTE I n. 17 30

Palermo società cooperative ammesse e finanziate:

Cooeperativa Stam Isola delle Femmine Punteggi 0,357 Numero Alloggi 28
Cooeperativa Nova Locus Isola delle Femmine Punteggi 0,400 Numero Alloggi 25
Cooeperativa Apollonia Isola delle Femmine Punteggi 0,333 Numero Alloggi 30
Cooeperativa Casa futura Isola delle Femmine Punteggi 0,300 Numero Alloggi 30
Cooeperativa Domus Aurea Isola delle Femmine Punteggi 0,266 Numero Alloggi 30
Cooeperativa La Tiziana Isola delle Femmine Punteggi 0,200 Numero Alloggi 40

DECRETI ASSESSORIALI

ASSESSORATO DEI LAVORI PUBBLICI



DECRETO 17 febbraio 2005.
Elenchi definitivi delle cooperative ammesse alla realizzazione di programmi di edilizia convenzionata-agevolata e di quelle escluse.

IL DIRIGENTE GENERALE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE LAVORI PUBBLICI


Visto lo Statuto della Regione;
Vista la legge 5 agosto 1978, n. 457 e successive modifiche ed integrazioni;
Vista la legge 17 febbraio 1992, n. 179, art. 5 e successive modifiche ed integrazioni;
Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Vista la legge 30 aprile 1999, n. 136 e successive modifiche ed integrazioni;
Vista la legge 8 febbraio 2001, n. 21 e successive modifiche ed integrazioni;
Visto il decreto del dipartimento regionale lavori pubblici 18 maggio 2001, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana dell’8 giugno 2001, con il quale è stato indetto un concorso per la predisposizione di una graduatoria per le cooperative per la realizzazione di nuove costruzioni nell’ambito di nuovi programmi di edilizia agevolata-convenzionata, ai sensi della legge n. 457/78;
Visto l’esito della valutazione effettuata sulle istanze presentate, da cui risultano le istanze ammissibili e quelle escluse, con a fianco indicati i codici di esclusione;
Visto il decreto 3 marzo 2004, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana n. 12 del 19 marzo 2004, con il quale sono stati approvati gli elenchi provvisori delle cooperative ammesse e di quelle escluse;
Visto l’esito della valutazione effettuata dal servizio, esplicitata in apposita relazione dalla quale, anche a seguito delle osservazioni presentate dagli interessati, ai sensi dell’art. 3 del decreto 3 marzo 2004, emergono le motivazioni conducenti all’esclusione delle cooperative per i motivi indicati in codice a fianco di ciascuno di esse e quindi l’elenco delle cooperative ammesse;
Visto il quarto comma dell’art. 11bis della legge regionale 30 aprile 1991, n. 10 e successive modifiche;
Considerato che le disponibilità economiche consentono di procedere alla concessione dei benefici a tutte le cooperative ammesse;
Ritenuto di potere derogare dalla formazione delle graduatorie secondo le modalità previste nel bando di concorso citato;
Ritenuto, pertanto, di dover procedere in termini definitivi all’approvazione delle istanze esaminate;

Decreta:

Art. 1


Sono approvati gli elenchi definitivi, di cui alle tabelle allegate che fanno parte integrante del presente decreto, delle cooperative ammesse alla realizzazione di programmi di edilizia agevolata-convenzionata e di quelle escluse, con a fianco indicati i codici di esclusione.

Art. 2


Il termine per pervenire all’inizio dei lavori resta fissato in mesi tredici dalla data di pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana.

Art. 3


Le cooperative sono tenute ad effettuare, entro l’ulteriore termine di giorni quindici dalla data dell’inizio dei lavori, apposita comunicazione all’Assessorato regionale dei lavori pubblici.

Art. 4


Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana e sul sito internet dell’Assessorato dei lavori pubblici all’indirizzo: http://www.lavoripubblici.sicilia.it.
Palermo, 17 febbraio 2005.

La Tiziana PARTITA IVA 06135300823 Isola delle Femmine NUMERO ALLOGGI 20

Comitato Cittadino Isola Pulita
http://www.isolapulita.it/